lunedì 14 maggio 2012

Flash Mob a Venezia


Martedì 8 maggio 2012 anche i Veganzi hanno preso parte al flash-mob organizzato a Venezia in occasione della giornata mondiale contro la vivisezione; ovviamente l'attenzione è tutta puntata su Green Hill, l'allevamento di cani beagle situato a Montichiari (BS) che ogni anno destina centinaia di animali alla vivisezione all'estero.
Il flash mob ha avuto inizio alle ore 18:30 in Campo Santa Margherita e vi hanno preso parte alcune associazioni locali e alcuni gruppi come il nostro ma anche semplici amanti degli animali e dei cani in generale. Per definizione un evento del genere non viene pubblicizzato e deve risultare come una "protesta lampo"; per questo motivo il tutto non è durato più di un paio di minuti. Abbiamo mostrato a più riprese la scritta "STOP VIVISECTION" ed indossavamo tutti una maglietta bianca sporca di (finto) sangue; attaccate alle lettere della scritta c'erano delle foto di cani ed altri animali martoriati dagli esperimenti di vivisezione.



Il caso di Green Hill non ha bisogno di molte presentazioni considerato che da circa due anni tutto il mondo animalista italiano sta lottando per la chiusura di questo allevamento; recentemente, in occasione dell'ultima manifestazione nazionale, alcuni attivisti si sono introdotti nella struttura liberando alcuni cuccioli. L'immagine di questi piccoli che oltrepassano il filo spinato ha fatto il giro del mondo commuovendo tutti e facendo così conoscere il caso di questo "lager per beagle" a molte associazioni animaliste nel mondo.
Per qualsiasi informazione sulla situazione di Green Hill visitate il sito http://www.fermaregreenhill.net/wp/
Abbiamo voluto quindi anche noi dimostrare il nostro profondo sdegno per l'utilizzo di questi animali indifesi e senza colpa e la nostra solidarietà con gli animalisti arrestati in occasione della liberazione dei cuccioli.
Il gruppo del flash mob da Campo Santa Margherita si è poi spostato in altre zone della città approdando in conclusione in Piazza San Marco, dove ha avuto la maggiore visibiità della giornata. Qui si è concluso l 'evento con le croci simbolo del massacro lasciate in mezzo alla piazza a testimoniare, silenziose, il cordoglio di quanti sono contrari a questo tipo di pratica immorale ed antiscientifica.


Nessun commento:

Posta un commento